Ponte di San Daniele Po, Franco Bordo scrive a Maroni

Interventi non più rinviabili. La Regione reperisca i fondi necessari

Recentemente, Regione Lombardia ha destinato più di 3 milioni per gli interventi al ponte di Casalmaggiore sulla strada Asolana, interventi ritenuti necessari per migliorare il trasporto nella zona.
La Provincia aveva indirizzato lo stanziamento agli importanti interventi al ponte di San Daniele Po. Ritengo che tali fondi si sarebbero dovuti reperire in altro modo, senza penalizzare il territorio di San Daniele Po.
Il 24 ottobre si è appreso però dalla stampa che, dopo indagini in loco, si è accertato che il ponte di Casalmaggiore non risponde più ai livelli di sicurezza previsti dalle normative vigenti: dal punto di vista strutturale, la sua vita utile è terminata. Diventa dunque urgente un percorso concordato con la Regione Emilia Romagna e il Governo per reperire i fondi necessari alla realizzazione di un nuovo ponte. Vista e verificata la prevista impossibilità di rimettere in sicurezza il ponte di Casalmaggiore, e considerato che gli interventi di manutenzione del ponte di San Daniele Po sono assolutamente necessari, quali iniziative prevede Regione Lombardia per rimediare alla mancanza di risorse inizialmente previste per il ponte di San Daniele Po?